appartamento in affitto come fare ed i documenti necessari

Requisiti essenziali per affittare un appartamento

Che tu sia una persona che sta cercando un appartamento da affittare o se sei un proprietario che vuole affittare un suo immobile, devi sapere che ci sono requisiti essenziali per entrambe le figure. Sia il conduttore che il locatore devono adempiere ad una serie di obblighi per poter effettuare questa operazione immobiliare che consentirà lo scambio temporaneo di un’abitazione in cambio dell’affitto.

REQUISITI PRIMA DELLA FIRMA DEL CONTRATTO

AFFITTARE UN APPARTAMENTO

Diamo alcuni consigli su aspetti che vale la pena prendere in considerazione prima di firmare qualsiasi accordo tra le due parti. Sono consigli che ti aiuteranno a rendere la relazione più sicura e vantaggiosa possibile.

CONTROLLA DI ESSERE VERAMENTE IL PROPRIETARIO

Se stai per affittare un appartamento, devi sapere che c’è sempre la possibilità di una truffa. Negli ultimi anni sono state scoperte molte frodi immobiliari che hanno approfittato di canali come l’online per compiere delle truffe. È per questo motivo che ti consiglio di non dare mai soldi senza aver prima incontrato il proprietario o esserti assicurato che sia veramente il proprietario dell’immobile.

E ‘anche importante che eviti di cercare appartamenti in affitto sulle pagine dei contatti e che, in mancanza, scelga di farlo nei motori di ricerca professionali.

MOSTRA LA TUA SOLVENZA PER PAGARE L’AFFITTO

Se vuoi affittare una casa è importante che il proprietario dell’appartamento abbia la prova della tua solvibilità e della tua situazione finanziaria. Al giorno d’oggi, nelle grandi città come Milano, Torino o Roma, ​​affittare un appartamento non è una procedura rapida o facile poiché ci sono molte persone interessate ad affittare invece di acquistare.

Pertanto, se vuoi guadagnare punti agli occhi del proprietario, la cosa migliore è che vai con conti chiari e dimostri che sei solvibile. Tieni presente che negli ultimi anni il settore immobiliare è stato seriamente colpito e ciò che un proprietario desidera di meno è non poter incassare l’affitto mensile.

ANALIZZA BENE IL CONTRATTO DI AFFITTO

Un altro consiglio che ti posso dare prima di firmare il contratto con il proprietario è di leggere attentamente il contratto di locazione. È importante che tu sia chiaro su tutte le clausole che compaiono lì e sulle condizioni che ti vengono richieste come proprietario.

Il contratto deve essere molto chiaro circa le spese che ciascuna delle parti deve affrontare perché, ad esempio, nel caso in cui la caldaia si guasta, la spesa è solitamente a carico del proprietario. Ma se, ad esempio, una finestra o una porta si rompe, la cosa più comune è che è l’inquilino che se ne deve occupare.

COSA TENERE IN CONTO DOPO AVER FIRMATO IL CONTRATTO DI AFFITTO

Oltre a tutti questi aspetti che abbiamo appena indicato, devi sapere che, una volta firmato l’accordo, devi assicurarti di una serie di procedure che devono essere anche svolte. Molte volte pensiamo che, una volta firmato il contratto, possiamo dimenticarci di tutto. Ma non è così.

Se vuoi assicurarti che tutto sia corretto e legale al 100%, dovresti prestare attenzione a quanto segue.

ASSICURARSI CHE IL PROPRIETARIO DEPOSITI LE OBBLIGAZIONI

Il più comune è che, quando un appartamento viene affittato, l’inquilino lascia da 1 a 3 mesi di deposito. Si tratta di un importo che funge da “assicurazione” per il proprietario nel caso in cui non venga pagata una rata mensile o che, al momento della restituzione dell’appartamento, ci siano dei danni.

Tuttavia, questo denaro non è conservato dal proprietario, ma la legge richiede che venga depositato in un organismo autonomo. Pertanto, ti consigliamo di verificare che, effettivamente, il denaro sia stato inserito correttamente in modo che sia su terreno neutro e che nessuno possa prenderne possesso fraudolentemente.

DOCUMENTAZIONE CHE IL PROPRIETARIO DEVE PRESENTARE PER AFFITTARE UN APPARTAMENTO

Se hai un immobile e vuoi affittarlo, devi sapere che questa procedura non consiste solo nel mettere un annuncio e aspettare che arrivi un inquilino. La procedura è un po ‘più elaborata e, per ora, devi raccogliere un’ampia varietà di documenti essenziali per eseguire questa transazione.

DOCUMENTI NECESSARI PER AFFITTARE UN APPARTAMENTO

  • Certificato energetico dell’abitazione o dell’immobile: è fondamentale che l’appartamento che si affitta abbia la certificazione rilasciata dalla Comunità Autonoma e che indichi che lo spazio rispetta i requisiti di efficienza energetica previsti dalla legge.
  • Certificato di abitabilità: qualsiasi appartamento che voglia essere locato con una funzionalità abitativa deve avere questo certificato rilasciato, altrimenti tale spazio verrà trattato come un locale. Ciò significa che nessuno può avere la propria casa lì e, quindi, non possono registrarsi.
  • Documenti che certificano l’immobile: è fondamentale che sia dimostrato che la casa è intestata a colui che intende affittarla e, per questo, vengono solitamente presentati documenti come l’atto o l’ultima ricevuta ICI.

I DOCUMENTI DEL LOCATARIO PER AFFITTARE UNA CASA

D’altra parte, l’interessato all’affitto dell’immobile dovrà presentare anche una serie di documentazione prima della sottoscrizione del contratto. Con questi dati sarà possibile scoprire se il tuo profilo si adatta a quello che cerca il proprietario e, quindi, se sei un valido candidato per affittare l’immobile.

La documentazione necessaria è la seguente:

  • Identificazione: ovviamente deve essere presentato il documento giustificativo che può identificare un inquilino
  • Cauzione: è fondamentale anche che venga versata una caparra per dimostrare la solvibilità che si ha e dare maggiore sicurezza al proprietario della casa. La cauzione deve essere equivalente ad una rata mensile in quanto così prevede la Legge.
  • Garanzia (facoltativa): in alcuni casi è possibile che tra i requisiti essenziali per l’affitto di un appartamento ci sia la necessità di avere una garanzia. Questa è una cifra bancaria che il proprietario può chiedere per assicurarsi che, se l’affittuario non si prende cura delle sue commissioni, ci sia qualcuno dietro che risponderà per lui.