probblemi mercato immobiliare

Il coronavirus accelera la caduta dei prezzi delle case

La crisi del coronavirus accelera la caduta dei prezzi nel settore immobiliare.

Nella prima metà dell’anno il prezzo al metro quadro è diminuito del 4,94% rispetto all’anno precedente delle abitazioni usate, tasso che raddoppia del 2,1% a fine 2019. Il metro quadro resta a 2.245 euro al a livello nazionale, secondo il Rapporto sul mercato immobiliare presentato martedì da Tecnocasa e UPF.

Siviglia, con una riduzione dell’8,2% –a 1.252 euro al metro quadro– e Barcellona, ​​del 7,2% e 2.960 euro, sono le due grandi città che guidano il trend. Nonostante il calo, che segue il 3,3% del semestre precedente, Barcellona rimane la più cara a livello nazionale tra quelle raccolte nello studio. Madrid vede i prezzi scendere del 4,46%, a 2.573 euro.

La correzione è generalizzata e ci sono anche diminuzioni in centri come L’Hospitalet (-1,73%), Málaga (-1,44%), Móstoles (-1,54%), Valencia (-2,68%) o Saragozza (-2,18%). “È una nuova era nel mercato immobiliare. Vedremo cosa ci aspetta … Nessuno lo sa ”, ha analizzato nella presentazione Lázaro Cubero, direttore di analisi e rapporti del gruppo immobiliare. Gli esperti evitano di fare previsioni su come andrà il mercato.

Più negoziazione sui prezzi

Sulla base dei dati delle transazioni Tecnocasa, oggi c’è una differenza del 20% tra il prezzo al quale i proprietari vogliono vendere l’appartamento e le perizie immobiliari. Per questo motivo, il mercato ha più negoziazioni sui prezzi, più riduzioni nelle case e correzioni negli affitti.

Sul prezzo di vendita iniziale, gli appartamenti stanno avendo una riduzione del 5,1% al termine dell’operazione, si nota. “Il numero di case che necessitano di sconti per essere vendute è in aumento”, si legge nel rapporto.

In ogni caso, il virus non ha provocato un crollo dei prezzi come si credeva ad un certo punto nel confinamento o una variazione significativa della domanda. Ovviamente, il desiderio di avere una casa con un buon balcone o terrazza dopo essere stati rinchiusi a causa della pandemia è un “requisito fondamentale”, afferma Cubero, anche se non è stato apprezzato che le persone vogliano lasciare la città in cui risiedono.